Foursquare


Secondo la ormai famosa definizione del New York Times, è un social network, a metà tra un sito di microblogging, una guida per orientarsi e un social game.  Il requisito necessario per usarlo è possedere uno smartphone con Gps perché è un “software di geolocalizzazione”.

MICROBLOGGING La sua funzione principale è di far sapere ai tuoi amici dove sei e sapere dove sono loro tramite i cosìddetti “check-in” ovvero le registrazioni dei nostri spostamenti notificati ai nostri amici con la possibilità di brevi commenti.

GUIDA PER ORIENTARSI Ogni utente può poi aggiungere consigli, osservazioni e addirittura foto ai propri check-in contribuendo quindi alla composizione di una vera e propria guida multimediale che spazia tra ristoranti, negozi, attività, monumenti e luoghi culturali.

SOCIAL GAME Il gioco è quello di “conquistare” luoghi tramite le azioni legate ai badge che, di diversi tipi e modalità di acquisizione, testimoniano l’attività sociale dell’utente. Il risvolto marketing di questo aspetto è che i badges possono essere proposti dai vari brand e finalizzati all’acquisizione di buoni sconto, agevolazioni, consegna di gadget etc. al raggiungimento dell’obbiettivo che condiziona l’acquisizione dei badge stessi (come, ad esempio, un dato numero di che in nello stesso locale) stimolando l’anima del collezionista che c’è in ognuno di noi.


Le potenzialità marketing di questo social iniziano ad essere sfruttate sempre più spesso dai vari brand con attenzione all’originalità del badge proposto e alle iniziative/eventi legate alla campagna che si vuole promuovere su foursquare, tenendo conto che il target di riferimento di questo social sono i giovani tra i 18 e i 38 anni e che la piattaforma ha più di 10’000’000 di utenti nel mondo.

Nei prossimi articoli entreremo nel dettaglio su come il vostro marchio o la vostra attività possano usare Foursquare per farsi conoscere affermando la propria “social-identity” in maniera creativa ed efficace.



I commenti sono chiusi.